Ricordati che mi hai chiamato amore

madabo5 ottobre dalle ore 16.00
Cecchi Point Torino

MADABÒ TEATRO

Ricordati che mi hai chiamato amore

di e con Alessandro Becchi, Guido Martella e Maria Grosso
drammaturgia Guido Martella
assistente alla regia Irene Zucchiatti

Cosa accadrebbe se il vostro alter ego virtuale prendesse vita nel mondo reale? "Ricordati che mi hai chiamato amore" racconta le fasi di una storia d'amore viste da un punto di vista digitale: una chat che racchiude tutti i momenti che due innamorati hanno condiviso prima, durante e dopo il loro rapporto. In scena si svolge uno scambio epistolare 2.0 in cui i sogni e le emozioni prendono una forma virtuale dimenticando i corpi reali nella vita offline. Una delle emoticon più utilizzate da uno dei ragazzi per esprimere intenzioni e stati d'animo è quella del "Power Ranger", uno sticker (adesivo) di Facebook che diventa, suo malgrado, l'unico testimone e custode di questa storia. Da un punto di vista teatrale possiamo considerare questi tipi di emoticon come una sorte di declinazione digitale della figurazione plastica o pittorica ricorrente nel teatro di figura.

Stampa Email

loghi 2018

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.